Ricercatore per un giorno

Vivi un giorno da ricercatore alla scoperta delle tracce degli animali più rari del Parco Nazionale dell‘Appennino Lucano Val d‘Agri Lagonegrese More »

Sentieri

Scopri i sentieri più belli e suggestivi del Parco Nazionale dell‘Appennino Lucano Val d‘Agri Lagonegrese More »

Calendario attività

Scopri le attività del 2015 More »

 

GIS in ECOLOGY Sistemi informativi territoriali per naturalisti, biologi e guide escursionistiche

Il Centro Studi Appennino Lucano organizza un corso intensivo sull’utilizzo dei Sistemi Informativi Territoriali (GIS – Geographical Information Systems) applicati all’Ecologia.
L’iniziativa è rivolta a studenti, dottorandi e ricercatori di Ecologia, Scienze Biologiche, Scienze Naturali, Guide Escursionistiche ma anche a personale dipendente di Enti di ricerca o di gestione del territorio. Per la partecipazione non vengono richieste particolari conoscenze pregresse ma sarà necessario avere con sé il proprio notebook.
Il corso prevede lezioni frontali teoriche e pratiche e si sviluppa in un percorso completo, dalla raccolta dati sul campo attraverso l’ausilio di apparecchi digitali come smartphone, tablet e GPS fino alla gestione e analisi statistica dei dati spaziali con i software dedicati (Qgis).

Dove e quando
Il corso avrà una durata di 5 giorni, dal 4 al 8 luglio 2016, con 4 giorni di lezioni frontali e 1 giornata di uscita sul campo per la raccolta di dati.
Il corso si terrà a Viggiano (PZ), all’interno del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano, il Parco più giovane d’Italia, interessato negli ultimi anni da diverse ricerche scientifiche. Le lezioni si svolgeranno nella sede del Coordinamento Regionale del Gruppo Lucano e saranno tenute dal docente Dott. Luca Nelli (Università degli Studi di Pavia).

Argomenti trattati
Introduzione al GIS: funzioni di base e l’installazione di plugins; il formato dei files; gestione dei layer.
Vettoriali: importazione di un database georeferenziato; editing vettoriale; analisi e geoprocessing vettoriale; visualizzazione in Google Earth; interrogazione dei dati.
Raster: analisi geomorfologiche; operazioni matematiche sui raster; interrogazione dei dati; interpolazione spaziale; statistiche zonali.
GIS in the field: princìpi di funzionamento del GPS; GIS su telefoni e tablet Android, iOS e Windows; escursione e raccolta dati (fauna e flora) in campo; importazione e utilizzo in QGIS; realizzazione di mappe.
Analisi spaziale: creazione di dataset per analisi ambientali; introduzione a habitat selection, species distribution models, home range e animal movements.

Patrocini e Crediti Formativi
Il corso è realizzato con il patrocinio ed il contributo economico del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano Val d’Agri Lagonegrese.
Il corso è patrocinato da AIGAE – Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche, è prevede il rilascio di 4 crediti al fine dell’aggiornamento per i soci AIGAE.

Per info ed Iscrizioni
Remo Bartolomei 3496032867
csappenninolucano@gmail.com
Termine ultimo per le iscrizioni 27 Giugno 2016

locandina

Lontra investita a Pergola di Marsico Nuovo

Alcune foto della lontra investita il 5/6/2016 sulla SS 598 all’altezza di Pergola di Marsico Nuovo (PZ).

 

Espansione recente di Sciurus meridionalis Lucifero, 1907 in Basilicata. X Congresso ATIt Aquapendente.

Si è tenuto dal 20 al 23 Aprile ad Acquapendente il X Congresso Italiano di Teriologia organizzato dall’ATIt (Associazione Teriologica Italiana).
In questa pagina è possibile scaricare il poster presentato al Congresso con l’aggiornamento della distribuzione dello Scoiattolo nero meridionale (Sciurus vulgaris meridionalis) in Basilicata.
Lo studio è stato realizzato dai naturalisti Remo Bartolomei (Studio Naturalistico Wildlife Research), Silvia Sgrosso (CEA di Viggiano) e Gaetano Aloise (Museo di Storia Naturale dell’Università della Calabria)  in modo del tutto volontario e gratuito.

Scarica il Poster

E’ possibile scaricare gli atti cliccando sul seguente link:
http://www.italian-journal-of-mammalogy.it/

Poster Atit 2016 Sciurus

 

1 Aprile a Satriano di Lucania ore 18.00 Presentazione della Scuola di Speleologia Lucana ed avvio del I Corso di Speleologia di I livello

Si terrà Venerdì 1 Aprile alle 18 presso il Palazzo Ducale Poggiardi a Satriano di Lucania la presentazione della Scuola di Speleologia Lucana e l’avvio del I Corso di introduzione dalla Speleologia di I Livello.
Nella splendida cornice di palazzo ducale, i responsabili della Scuola e dei Gruppi Speleologici fondatori della Scuola, insieme ai Sindaci dei comuni di Satriano di Lucania e di Marsico Nuovo Pascale e Vita, al Presidente della Società Speleologia Italiana Martimucci, al Presidente del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano Totaro ed al Consigliere Regionale Robortella, discuteranno del nuovo impulso esistente intorno al mondo della speleologia e che ha visto negli ultimi anni la nascita e la crescita di nuovi gruppi operativi in regione e l’interesse della Regione Basilicata con la promulgazione della recente Legge Regionale n. 32/2015 “Conservazione e valorizzazione del patrimonio geologico”.
La Scuola di Speleologia Lucana, diretta da Erwan Gueguen, è nata dalla sinergia tra il Gruppo Speleologico Castel di Lepre di Marsico Nuovo ed il Gruppo Speleo Melandro di Satriano di Lucania. E’ la prima scuola di speleologia, riconosciuta dalla CNSS della SSI, nata in Basilicata e vanta al suo interno 1 istruttore di tecnica (IT), 4 aiuto istruttori (AI) e 3 istruttori di speleologia (IS). L’obbiettivo è di formare speleologi di alto livello tecnico e scientifico-culturale e di diffondere una corretta pratica e cultura speleologica in collaborazione con le realtà speleologiche e scientifiche già esistenti sia nel meridione che nel resto dell’Italia.
Come prima iniziativa della Scuola di Speleologia Lucana c’è l’avvio del Corso di Speleologia di I Livello omologato dalla Commissione Nazionale Scuole di Speleologia (CNSS) della Società Speleologica Italiana (SSI). Il corso, che si terrà nel periodo tra il 1 aprile ed il 1 maggio 2016, ha per obbiettivo di introdurre gli allievi all’attività e alla ricerca speleologica, condotte nel pieno rispetto delle norme di sicurezza e di tutela dell’ambiente, attraverso una serie di esercitazioni pratiche in palestra di roccia ed in grotta, corredate da lezioni teoriche. Il corso permette inoltre di scoprire, conoscere e apprezzare le bellezze del territorio, e in particolar modo il ricco patrimonio ipogeo, spesso sconosciuto ai più.
Le lezioni teoriche spazieranno dai primi fondamentali elementi di tecnica di progressione in grotta, a temi di conoscenza dell’ambiente ipogeo (biospeleologia, geologia, meteorologia ipogea, rilievo topografico, fotografia) alle nozioni di prevenzione degli incidenti e di primo soccorso in grotta. Questa ultima lezione sarà tenuta da tecnici e sanitari del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico. Le lezioni pratiche riguarderanno invece l’utilizzo delle tecniche di progressione in grotta e si terranno sia in parete di roccia che successivamente in grotta.

poster speleo_001 low

Presentazione progetto “Wild Lucania”- Giovedì 3 Marzo a Potenza

Si terrà Giovedì 3 Marzo alle 17.30 presso la Sala Palazzo del Consiglio Regionale di Basilicata in  Via Verrastro n. 4 a Potenza la presentazione ufficiale del progetto  “Wild Lucania”, patrocinato dal Parco Nazionale dell’Appennino Lucano Val d’Agri Lagonegrese, la Regione Basilicata ed il Comune di San Martino d’Agri.

Wild Lucania è un progetto di ecoterismo e conservazione della natura nato circa un anno fa dalla collaborazione del Centro Studi Naturalistici Nyctalus Onlus e di SKUA Nature Group, che attraverso la fotografia naturalistica e altre attività outdoor si pone l’obbiettivo di coinvolgere decine di appassionati per contribuire in maniera attiva e consapevole alla conservazione della biodiversità del Parco Nazionale Appennino Lucano.
In questa prima fase la riserva Wild Lucania ha raggiunto risultati significativi per la salvaguardia e la tutela di specie animali purtroppo fortemente minacciate. Molte specie frequentano in maniera spontanea i siti e le aree a loro dedicate e di conseguenza si allontanano da zone a rischio in cui si trovano elettrodotti, strade ed aree industriali. La riserva è stata attrezzate inoltre, con capanni fotografici, dove, in un contesto sicuro e monitorato che non arreca nessun disturbo agli animali, è possibile ammirare e fotografare le diverse specie che si avvicinano. Questo ci permette di effettuare un monitoraggio costante di molte specie, con la possibilità di raccogliere una moltitudine di informazioni sull’ecologia e sui comportamenti delle specie frequentatrici dei capanni.

wild lucania