Ricercatore per un giorno

Vivi un giorno da ricercatore alla scoperta delle tracce degli animali più rari del Parco Nazionale dell‘Appennino Lucano Val d‘Agri Lagonegrese More »

Sentieri

Scopri i sentieri più belli e suggestivi del Parco Nazionale dell‘Appennino Lucano Val d‘Agri Lagonegrese More »

Calendario attività

Scopri le attività del 2015 More »

 

Category Archives: Fauna

HERPETHON 2017 – Giornate dell’ARE Monte Raparello 4-5 marzo San Martino d’Agri nel Parco Nazionale dell’Appennino Lucano

Grande successo per le Giornate dell’ARE di Monte Raparello, un evento del calendario di HerpeThon 2017, un insieme di attività scientifico-divulgative di livello nazionale organizzate dalla  Societas Herpetologica Italica. A livello locale le attività sono state curate dal Centro Studi Naturalistici Nyctalus di San Martino d’Agri, in collaborazione con il Centro Studi Appennino Lucano. In linea con il tema di quest’anno “POZZE PER ANFIBI & RIFUGI PER RETTILI” le attività didattico – scientifiche si sono svolte nell’arco di due giorni ed hanno avuto come scenario l’Area di Rilevanza Erpetologica Nazionale di Monte Raparello (n.039 San Martino d’Agri, San Chirico R.). L’evento, unico per la Basilicata e tra i pochi previsti nel sud Italia, ha visto impegnati ricercatori, ragazzi delle scuole medie locali, escursionisti e semplici appassionati, in una serie di interventi di ripristino e ricostruzione di habitat per rettili ed anfibi. La prima giornata è stata dedicata alla divulgazione scientifica e all’educazione ambientale dei grandi e piccoli volontari; i partecipanti hanno seguito i ricercatori impegnati sul campo che hanno illustrato le principali caratteristiche dell’ARE e delle specie presenti, a cui sono seguire azioni di conservazioni pratiche, come quelle di costruzione di rifugi per rettili e pozze per anfibi. La seconda giornata ha visto invece i ricercatori impegnati nel rilievo e monitoraggio dei siti riproduttivi di alcune specie di anfibi.

Soddisfazione è stata espressa dalla Dott.sa Mariangela Iacovino presidente del Centro Studi Naturalistici Nyctalus: “l’iniziativa ha avuto come scopo quello di far conoscere al grande pubblico la bellezza e l’importanza dell’ARE, Area di Rilevanza Erpetologica nazionale di Monte Raparello. Nella due giorni abbiamo parlato di anfibi e rettili, descrivendone il comportamento e le peculiarità attraverso il racconto e la viva voce di ricercatori impegnati sul campo. Sicuramente aver sensibilizzato le numerose persone presenti, impegnate anche con attività pratiche di conservazione, è un passo in avanti per la salvaguardia di questi animali importantissimi per l’ecosistema.

La manifestazione è stata organizzata in collaborazione con l’SHI sez. Lazio e con il patrocinio del Comune di San Martino d’Agri (Pz).

Lontra investita a Pergola di Marsico Nuovo

Alcune foto della lontra investita il 5/6/2016 sulla SS 598 all’altezza di Pergola di Marsico Nuovo (PZ).

 

Espansione recente di Sciurus meridionalis Lucifero, 1907 in Basilicata. X Congresso ATIt Aquapendente.

Si è tenuto dal 20 al 23 Aprile ad Acquapendente il X Congresso Italiano di Teriologia organizzato dall’ATIt (Associazione Teriologica Italiana).
In questa pagina è possibile scaricare il poster presentato al Congresso con l’aggiornamento della distribuzione dello Scoiattolo nero meridionale (Sciurus vulgaris meridionalis) in Basilicata.
Lo studio è stato realizzato dai naturalisti Remo Bartolomei (Studio Naturalistico Wildlife Research), Silvia Sgrosso (CEA di Viggiano) e Gaetano Aloise (Museo di Storia Naturale dell’Università della Calabria)  in modo del tutto volontario e gratuito.

Scarica il Poster

E’ possibile scaricare gli atti cliccando sul seguente link:
http://www.italian-journal-of-mammalogy.it/

Poster Atit 2016 Sciurus

 

Presentazione progetto “Wild Lucania”- Giovedì 3 Marzo a Potenza

Si terrà Giovedì 3 Marzo alle 17.30 presso la Sala Palazzo del Consiglio Regionale di Basilicata in  Via Verrastro n. 4 a Potenza la presentazione ufficiale del progetto  “Wild Lucania”, patrocinato dal Parco Nazionale dell’Appennino Lucano Val d’Agri Lagonegrese, la Regione Basilicata ed il Comune di San Martino d’Agri.

Wild Lucania è un progetto di ecoterismo e conservazione della natura nato circa un anno fa dalla collaborazione del Centro Studi Naturalistici Nyctalus Onlus e di SKUA Nature Group, che attraverso la fotografia naturalistica e altre attività outdoor si pone l’obbiettivo di coinvolgere decine di appassionati per contribuire in maniera attiva e consapevole alla conservazione della biodiversità del Parco Nazionale Appennino Lucano.
In questa prima fase la riserva Wild Lucania ha raggiunto risultati significativi per la salvaguardia e la tutela di specie animali purtroppo fortemente minacciate. Molte specie frequentano in maniera spontanea i siti e le aree a loro dedicate e di conseguenza si allontanano da zone a rischio in cui si trovano elettrodotti, strade ed aree industriali. La riserva è stata attrezzate inoltre, con capanni fotografici, dove, in un contesto sicuro e monitorato che non arreca nessun disturbo agli animali, è possibile ammirare e fotografare le diverse specie che si avvicinano. Questo ci permette di effettuare un monitoraggio costante di molte specie, con la possibilità di raccogliere una moltitudine di informazioni sull’ecologia e sui comportamenti delle specie frequentatrici dei capanni.

wild lucania

Per il ventunesimo anno consecutivo la cicogna bianca torna a nidificare nel Vallo di Diano

Per il ventunesimo anno consecutivo le cicogne bianche sono tornate nel Vallo di Diano.
Da qualche giorno il maschio è arrivato in località Termini a Sala Consilina, sulla sommità di un traliccio della linea elettrica a media tensione ed ha cominciato a preparare il nido in attesa della femmina che arriverà a metà marzo.
A tutelare l’incolumità delle cicogne sono i volontari dell’ATAPS (Associazione Tutela Ambientale) di Sala Consilina che svolgono una costante attività di monitoraggio.
La cicogna compie una straordinaria migrazione di circa 10.000 km dall’Europa al Sudafrica per ritornare ogni anno a nidificare nello stesso posto. Il nido, una volta realizzato, viene continuamente rinforzato ed è di grosse dimensioni. La cova dura all’incirca 30 giorni ed i nuovi nati si involano in estate inoltrata. Dal 1996 ad oggi le cicogne che si sono involate dal traliccio dell’Enel sono state oltre 60.
Quello di Sala Consilina è l’unico caso in Italia dove le cicogne da 21 anni nidificano sempre sullo stesso traliccio.

Fonte: http://www.ondanews.it/

cicogna