Ricercatore per un giorno

Vivi un giorno da ricercatore alla scoperta delle tracce degli animali più rari del Parco Nazionale dell‘Appennino Lucano Val d‘Agri Lagonegrese More »

Sentieri

Scopri i sentieri più belli e suggestivi del Parco Nazionale dell‘Appennino Lucano Val d‘Agri Lagonegrese More »

Calendario attività

Scopri le attività del 2015 More »

 

Sentiero Piano Bonocore – Viggiano Paese

In compagnia dell’amico Giovanni di Giorgio, guida ufficiale ed esclusiva del Parco dell’Appennino Lucano, abbiamo percorso il sentiero che da Piana Bonocore ci porta a Viggiano. Il sentiero inizia da Piana Bonocore dove è presente un ampio parcheggio ed una fontana in cui riempire le borracce. Il tratto iniziale percorre la strada asfaltata nel fitto della faggeta; seguendo la strada dopo circa 1,5 km giungiamo dinanzi alle piste da sci di Viggiano ed a un rifugio momentaneamente non in uso. Dopo qualche decina di metri arriviamo ad una sbarra alla cui destra è presente un piccolo ristorante/bar. Proseguendo il cammino, nel fitto della faggeta, troviamo un piccolo museo, gestito dal Centro di Educazione Ambientale ed alla Sostenibilità (CEAS) di Viggiano, dedicato al Lupo: qui sono conservati vari esemplari imbalsamati di lupo oltre che di altre specie (tasso, martora, aquila reale) tipiche delle faggete appenniniche. Il sentiero attraversa la fitta faggeta, ma sempre su un percorso ben evidente. In questo luogo la specie vegetale dominante è il faggio: tipica latifoglia di montagna alta fino a 30-40 metri; particolare è l’associazione faggio/abete bianco che possiamo ritrovare al km 5,7 dove, in mezzo ai faggi, potremo notare i piccoli abeti bianchi in crescita. Il sottobosco si presenta ricco lungo l’intero percorso, con presenza di agrifoglio, elloboro, rosa canina e qualche orchidea. Lungo il sentiero potremo imbattersi in alcuni simpatici anfibi come la salamandra pezzata e piccole rane che saltellato nelle pozze e nei torrentelli.

Vari sono i punti panoramici che incrociamo durante il percorso e da questi è possibile vedere ampie vallate, splendidi squarci naturali e le rupi rosse: un posto impervio e montuoso, molto caratteristico, in cui si sono rinvenuti alcuni insediamenti Basiliani. Dopo altri 5 chilometri di cammino usciamo dalla faggeta e incontriamo campi coltivati che avvicinano al centro abitato di Viggiano. Dopo ancora un chilometro ci ritroviamo in Piazza Papa Giovanni XXIII, luogo dei festeggiamenti in onore della Madonna di Viggiano, protettrice delle genti lucane. Risalendo infine lungo la strada asfaltata che percorre la strada principale del borgo giungiamo al termine del percorso.

LUNGHEZZA: 13,2 km

DIFFICOLTÀ: E – Escursione Media

TEMPO DI PERCORRENZA: 5 ore (andata)

Lascia una risposta